Situata nell’Isola del Sud in Nuova Zelanda, nella regione del Marlborough, l’azienda prende il nome dalla baia all’estremità orientale della Wairau Valley, che venne battezzata Cloudy Bay dal capitano Cook durante il suo viaggio in Nuova Zelanda nel 1770. Al tempo della scoperta di Cook, i fiumi erano pieni di fango che rendeva le acque torbide.
Cloudy Bay esiste grazie al sogno del suo fondatore, David Hohnen, già fondatore di Cape Mentelle, un visionario che ha fatto dell’espressione vinicola del terroir la missione della sua vita. Nel 1983 assaggiò per la prima volta un Sauvignon Blanc neozelandese; ne rimase così incantato da fondare Cloudy Bay nel 1985. Si attribuisce a Cloudy Bay il merito di aver fatto conoscere al mondo i vini neozelandesi e di aver reso famoso il Sauvignon Blanc come vino monovarietale.
Nel 1997, il suo Sauvignon Blanc fu il primo vino neozelandese nella classifica Top 10 di Wine Spectator.
La tenuta compie ogni sforzo per garantire le uve migliori con una viticoltura mirata: a volte si vende solo il 30% della produzione dell’annata. I vini delle oltre 250 particelle di Cloudy Bay vengono vinificati e tenuti separati fino all’assemblaggio finale.
Innovazione, attenzione ai dettagli ed espressione regionale sono i principi guida di Cloudy Bay, che si impegna ad esaltare la sorprendente vivacità e i sapori autentici e stuzzicanti offerti dal clima e dal suolo di Marlborough.